martedì 31 dicembre 2013

CREMA PASTICCERA...LA MIA!


Sono tante le versioni della crema pasticcera....chi con farina chi con amido di mais, chi con latte intero, chi con panna, chi aromatizza al limone, chi alla vaniglia...bè ognuna avrà la sua caratteristica e il suo gran sapore, ognuna ha la sua consistenza ma ognuna ha la sua maestra :-)
Io propongo la mia versione alla vaniglia;in casa mia né vanno matti non si fa altro che aspettare il momento di fine cottura perché al passaggio dalla pentola bollente al contenitore pulito tutti con la spatola pronta a ripulire bene qualche scia che rimane alle pareti!!!!!
Oggi per la prima volta ho avuto un nuovo assaggiatore...mio figlio di 12 mesi mi ha fatto da cavia...finalmente puo mangiare di tutto ormai è un ometto, però molla la spatola birbone, ho capito che hai gradito.....

INGREDIENTI:
500 g di latte parzialmente scremato
4 tuorli
150 g di zucchero a velo
50 g di maizena (amido di mais)
1/2 bacca di vaniglia

PROCEDIMENTO
Versare i tuorli in un recipiente insieme allo zucchero

Incidere la bacca di vaniglia per il senso della lunghezza, prelevare i semini all'interno e aggiungerli al contenitore dei tuorli.

mettere il latte in un pentolino sul fuoco, aggiungere la bacca di vaniglia incisa e scaldare senza giungere a bollore

Intanto montare bene i tuorli con lo zucchero e aggiungere la maizena fino ad avere un composto chiaro e spumoso.

Quando il latte sarà caldo togliere la bacca di vaniglia e aggiungerne lentamente e solo la metà, al composto di uova e zucchero e amalgamare bene con una spatola

Versare poi pian piano tutto il resto del latte e rimettere sul fuoco.

Mescolare bene finchè comincerà ad addensare la crema alla consistenza preferita.

Una volta pronta travasare subito la crema in un recipiente pulito e coprire con pellicola a contatto con la crema stessa in modo che non si formerà la crosticina in superfice

venerdì 27 dicembre 2013

PANINI BIANCHI AL LATTE


Sono versatile, soffici, leggeri e buoni!!!Questi paninetti sono ottimi farciti ma anche serviti nel cestino del pane...

INGREDIENTI:
200g di farina manitoba
150 g di pasta madre
500 g farina 0
200 g di latte di soia
200 g di acqua
30 g di olio d'oliva
5/10 g di sale

PROCEDIMENTO
Miscelare le due farine

sciogliere la pasta madre nell'acqua , aggiungere il latte, l'olio, il sale e pian piano le farine.

Impastare bene il tutto fino ad ottenere una consistenza molto omogenea e ben lavorata.

Lasciare lievitare fino al raddoppio circa 4 ore.

Riprendere l'impasto farlo scendere delicatamente sulla spianatoia e ricavare delle piccole palline

Porre le palline su una teglia rivestita di carta forno e lasciare lievitare ancora circa 1 ora.

Infornare a 200° per circa 30 minuti


giovedì 5 dicembre 2013

CIAMBELLA ALLO YOGURT ...solo soia!


Un classico dolce da colazione che non puo mancare all'appello del mio blog...delicata, profumata, morbida...e che altro aggiungere?!!!!DA PROVARE!

INGREDIENTI:
200 g di farina
50 g di amido di frumento
150 g di zucchero di canna
150 g di yogurt di soia
80 g di olio di semi di soia
1 bustina di lievito per dolci
20 g di brandy
3 uova

Montare le uova con lo zucchero , aggiungere lo yogurt , l'olio e il brandy

Setacciare la farina con l'amido di frumento e aggiungere poco per volta al composto di uova fino ad ottenere una consistenza ben montata e omogenea

Mettere il tutto in uno stampo a ciambella e cuocere in forno a 180° per 40/45 minuti

Servireeeeee



BARRETTE AI CEREALI


Gira di qua gira di là, un occhiata a una ricetta e un occhiata a l'altra, finalmente sono riuscita a provare le barrette che da tempo mi ero promessa di sperimentare!
Ovvio che una come me, prediligere un alimentazione sana, sport, e cucina veloce, non poteva far mancare sul blog una tale ricetta!Bè il risultato discreto ma sinceramente vorrei rivisitarle e migliorarle.. ho provato la ricetta di  +Roberta Panico ,senza utilizzare lo sciroppo di riso che non avevo, ma che specifico sicuramente conferirà un risultato migliore, poichè le mie barrette sono un po croccanti , anche se la soddisfazione più grossa l'ho avuta da mio padre, venutomi a trovare nel pomeriggio entrando in cucina mi dice "ma cosa è questo mattoncino", ed io ,sto provando le barrette BABBì (cosi' lo chiamo), e lui, "bàh non hanno un apparenza invitante, anche se, (e nel frattempo ne assaggia una) tutto sommato un buon gusto....bene, prima di andarsene se né è mangiate ben tre, lasciandomi così solo un assaggio per il mio spuntino, visto che avevo provato una piccola dose di quattro porzioni.....GRANDE IL MIO BABBO...e queste le dedico a lui!

INGREDIENTI:
70 g di cereali cornflacks
5 g di miele
5 g di glucosio
10 g di zucchero di canna
5 g di amido di mais
5 g di

sminuzzare i cereali e unirli all'amido di mais e miscelare.

Mettere a sciogliere sul fuoco a fiamma bassa, miele,glucosio, zucchero di canna e appena caldi e ben sciolti aggiungere poco alla volta il composto di cerali.

Mescolare per far amalgamare bene il tutto in ogni pezzetto di cerale...poi versare il composto su un foglio di carta forno e ungendo le mani con un po di olio di semi, apiattirlo e sistemarlo in modo rettangolare e compatto



 
Aspettare che si raffreddi un po e tagliare poi delle strisce in verticale, ottenendo così le porzioni di barrette



domenica 1 dicembre 2013

STRUDEL CON PASTA ALLO SPUMANTE RIPIENO DI ANANAS COCCO E GOCCE DI CIOCCOLATO


La mia intenzione era fare uno strudel.... i miei pensieri però volavano alti per creare uno strudel non troppo classico,uno strudel che avesse tali sembianze ma che assaggiandolo potessi ricrederti e convincerti che i classici sono classici ma anche il tocco personale può conquistarsi il primo posto in vetta alla classifica!
Per questo mio strudel mi sono ispirata alla ricetta della bravissima +Alessandra C. applicando delle rivisitazioni...per la base occorreva dell'acqua frizzante ma non avendola in casa pensavo come sostituirla....poi mi è venuto alla mente uno spumantino fermo lì ormai non so da quanti mesi e mi sono detta, perché non provare con lo spumante, in fondo sempre frizzante è....
E il ripieno????....pezzetti di frutta che possono assomigliare alla mela?ANANAS... somiglianza con l'uvetta passa?GOCCE DI CIOCCOLATO.....e qualcosa potesse assorbire i liquidi della frutta per non ammollare la pasta che sostituisce il pangrattato?COCCO ESSICCATO!
Non rimane che provare....solo il profumo che si espandeva per la cucina ti lasciava sognare quel morso morbido dal gusto esotico!

INGREDIENTI PER LA BASE
250g di farina
100 g di spumante dolce
un pizzico di sale
4 cucchiai di olio
INGREDIENTI PER IL RIPIENO
4 fette di ananas fresco (va bene anche quello in scatola)
2 cucchiai di zucchero di canna
cocco essiccato q.b.
gocce di cioccolato q.b.

PROCEDIMENTO:
Lavorare la farina con lo spumante, l'olio e un pizzico di sale fino a creare una pasta liscia e omogena che faremo riposare almeno 30 minuti coperta da pellicola.

tagliare a pezzetti piccoli l'ananas.

riprendere la pasta e stenderla in modo sottile dando una forma rettangolare.

Cospargere la pasta con i pezzetti di ananas, il cocco e le gocce di cioccolato e lo zucchero di canna

 
arrotolare la pasta su se stessa come fosse un salame sigillando le estremità facendo pressione con i polpastrelli delle dita



trasferite su carta da forno e cuocere a 180 ° per 30 minuti

Una volta sfornato sopennellare la superfice con un po di olio di oliva per renderlo lucido





giovedì 28 novembre 2013

TRECCIONE SOFFICE ALLA MARMELLATA


Non volevo postare questa ricetta perché l'aspetto lascia un po desiderare...ho dato vita a un infinito treccione che non riusciva a prendere posto né in teglia nè in tavola...ma a volte non serve la perfezione per descrivere e trasmettere la bontà di un piatto, è vero si anche l'occhio vuole la sua parte, ma in cucina lasciamo posto alla bocca e al palato per il giudizio finale!


INGREDIENTI
1 uovo
300 g farina 00
200 g farina manitoba
300 g di latte di soia
100 g di zucchero
1 cucchiaio di miele
60 g di MARGARINA CASALINGA (trovate sul mio blog, momentaneamente non riesco a inserire il collegamento)
100 g di lievito madre fresco
marmellata di pesche

lavorare tutti gli ingredienti in una planetaria fino a ottenere un panetto liscio e omogeneo, che lasceremo lievitare per almeno 3-4 ore, posizionandolo in un ambiente con una temperatura di almeno 25/27° oppure accendere il forno e portarlo a 50° spegnere e mettere dentro l'impasto.

Una volta raddoppiato il volume, far scendere delicatamente l'impasto sulla spianatoia e allargarlo delicatamente con le mani formando un rettangolo.

Dividerlo in 3 parti ottenendo dunque tre rettangoli.

Porre al centro di ogni rettangolo un bel po di marmellata per tutta la lunghezza, e poi avvicinare le due estremità del rettangolo sopra la marmellata,fino a sovrapporsi pizzicando la pasta sul bordo in modo da sigillare bene ed evitare che in cottura fuoriesca il ripieno.Si otterrano dunque dei cilindri di pasta.

Aiutandoci con il palmo della mano arrotolare ogni cilindro su se stesso così di dare una forma più regolare e tondeggiante.

Mettere vicini i tre cilindri ripieni. Avvicinare "le loro teste" in modo da creare il capo della treccia. poi iniziare a sovrapporre l'una e l'altra estremità sulla parte centrale dei cilindri in modo da dar forma alla treccia.

Mettere di nuovo a lievitare per circa 1 ora, poi spennellare con la margarina e cuocere in forno a 180° per circa 30 minuti,

Una volta sfornata mettere a raffreddare su una griglia così da far evaporare l'umidità ottenendo una treccia morbida e leggera

ecco la foto, dell'enorme treccione che ero in dubbio se pubblicare ....:-):-)



SOFFICE ABBRACCIO...



Per colazione, per merenda o per fine pasto, ovunque lo propongo, il mio soffice abbraccio regala un momento di dolcezza e di golosità con una soddisfazione immensa per chi ti dice, posso averne un altra fettina?!...


INGREDIENTI.
250 g di farina
250 g di zucchero
120 g di acqua
120 g di olio di semi di soia
3 uova
20 g di cacao amaro
1 bustina di lievito per dolci
20 g di brandy

PROCEDIMENTO:
Montare le uova con lo zucchero finchè non diventano chiare e spumose

Aggiungere a filo l'olio l'acqua e il brandy e montare ancora.

Setacciare la farina con il lievito e incorporare poco alla volta al composto di uova

Dividere il composto in due contenitori, in uno inserire il cacao amaro setacciato e mescolare bene, l'altro lasciarlo bianco.

Foderare una teglia con carta da forno e versare alla base prima il composto bianco, e sopra il composto scuro con il cacao.

Durante la cottura in forno si formerà la perfetta, o quasi, metà dei colori.

Cuocere a 180° per 45 minuti

martedì 26 novembre 2013

PIANELLE VELOCI DI PANE

 


In casa adorano le mie pianelle!!!nessuno si preoccupa mai se manca il pane, prevedono già che la mia tavola presenterà qualcosa di soddisfacente allo stesso modo!
In fondo basta miscelare un po' di acqua con della farina ed è come dire...."BASTA UN POCO DI ZUCCHERO E LA PILLOLA VA GIù" :-)
Io le utilizzo a volte come pane, ma a volte anche farcite con delle verdure grigliate o con del pollo alla piastra e diventano un ottimo piatto completo.

INGREDIENTI:
200g farina integrale
100 g farina 00
180 g acqua
50 g di pasta madre fresca
pizzico di sale
1cucchiaio di olio

PROCEDIEMNTO:
Sciogliere la pasta madre nell'acqua.
Miscelare le due farine e aggiungere l'acqua, l'olio e il sale e iniziare a lavorare con le mani fino ad ottenere un panetto liscio e omogeneo.

Suddividere l'impasto in piccole porzioni da cica 100 g ognuna formare delle palline e lasciare riposare circa 1 ora.

Trascorso questo tempo stendere ogni pallina con l'aiuto del mattarello.

Far scaldare bene una padella antiaderente o una piastra, adagiare la pianella e lasciare cuocere da un lato, e quando inizia a gonfiarsi girare dall'altro lato e cuocere ancora qualche minuto.

Lasciare raffreddare su una griglia cosìcche l'umidità tende ad evaporare e rimarranno morbide





lunedì 25 novembre 2013

CUPCAKE DI ZUCCA AL CACAO E CANNELLA:un insieme di colori che creano profumi e gusti prelibati

 


Quante idee mi ronzavano nella testa per utilizzare l'ultima parte di un enorme zucca che avevo ancora in frigo....dolce o salato, bianco o nero, light o sostanzioso???...volevo crearci di tutto con quello spicchietto arancione ricco di gusto e proprietà!!!....sai che c'è, mi sono detta, seguo la mia classica filosofia....vorrei qualcosa di buono, leggero profumato ma che solo a guardarlo l'occhio deve cedere alla tentazione della gola...ed ecco che apro il mio armadione di ingredienti e inizio a esporre sul tavolo tutto ciò che poteva star bene amalgamato alla zucca...ed ecco che sono venuti fuori questi adorabili cupcake che assaggiandoli nessuno ha saputo dirmi chi fosse l'ingrediente RE...e allora lascio a tutti voi miei amici lettori la possibilità di ripetere l'esperimento e darmi il vostro giudizio!!!!




INGREDIENTI:
200 g di zucca cotta
120 g di yogurt di soia bianco
100 g di zucchero
250 g di farina
30 g di cacao amaro
1/2 bacca di vaniglia
1/2 bustina lievito per dolci
80 g di olio di semi
10 g di cannella


PROCEDIMENTO:
Frullare la zucca cotta con un minipimer insieme allo yogurt così da eliminare ogni filamento e ottenere una crema liscia.
 
Incidere per il senso della lunghezza la bacca di vaniglia prelevare i semini e aggiungerli al composto di zucca.
Unire l'olio, lo zucchero e montare bene con le fruste elettriche.
 
Setacciare la farina con il cacao, il lievito e la cannella e aggiungere un po alla volta all'impasto,mescolando con una spatola in modo da non creare grumi.
 
Versare il composto nei pirottini da muffin e cuocere con forno ventilato a 180° per circa 20 minuti
 
 
 
 

 
 







 


venerdì 22 novembre 2013

PANCAKES DI SOIA ALLA ZUCCA E ROSMARINO



 
Zucca: proprietà ed impieghi della ZuccaDolcissima e gustosa, la zucca è un alimento molto versatile,un pizzico di sale ed ecco eccezionali pani paninetti, pizzette e antipasti, con un pizzico di zucchero voilà, dolci e dessert da leccarsi i baffi!!
La zucca è in grado di riempire un intero munu, dall'antipasto al dolce, poiché molte sono le sue virtù, e ogni piatto risulterà appetitoso e salutare.
Questa volta l'ho utilizzata per uno sfizioso stuzzichino...volevo creare qualcosa di veloce, appetitoso, semplice ma che possa diventare complesso...e ho pensato a questi meravigliosi PANCAKES, che già così hanno un gusto delicato e particolare, ma se spalmati con un velo di formaggio spalmabile o farciti con una fettina di lardo o prosciutto diventano un trionfo per gli occhi e per il palato.


 
Potrebbe interessarti: http://www.my-personaltrainer.it/benessere/zucca-proprieta.html
 
 
 
INGREDIENTI
1 uovo
120 g di farina integrale
200 g di zucca cotta
1 bicchiere (di carta) di latte di soia
1 cucchiaio di olio di oliva
sale q.b
1 rametto di rosmarino
1/2 cucchiaino raso di bicarbonato

PROCEDIMENTO
Tagliare la zucca a dadini privandola della buccia, metterla nella pentola a pressione (o in una vaporiera)e cuocere a vapore per circa 10 minuti.

Una volta cotta lasciarla raffreddare.

Nel frattempo Tagliare a coltello il ramo di rosmarino per ottenere un trito.

Mescolare la farina con il bicarbonato

Sbattere l'uovo con una forchetta in una ciotolina e aggiungere qualche pizzico di sale e il rosmarino

Frullare con un mixer la zucca raffreddata insieme a al latte di soia per ottenere una crema liscia senza grumi

Aggiungere alla crema di zucca l'uovo l'olio e poca per volta la farina fino a ottenere una sorta di pastella.(se necessario aggiungere qualche cucchiaio di latte)

Scaldare una padellina antiaderente e versare un bel cucchiaio alla volta di pastella cercando di creare un cerchio.Cuocere 2 minuti da un lato, e quando iniziano a crearsi delle bollicine, girare dall'altro lato la crespella e cuocere ancora 2/3 minuti.

Continuare fino ad esaurimento della pastella e servire


giovedì 21 novembre 2013

PALLINE COCCOLOSE

 C'è poco da fare io sono una romantica quindi spesso i miei titoli dei post sono ispirazione del mio stato d'animo e del mio umore.
Queste palline a parer mio rispecchiano molto quel lato dolce, sfizioso, e tenero che si nasconde dentro di noi! Grazie a +Lara Lo Biundo ho creato queste golose palline che sono molto semplici e veloci da preparare, anche quando DRIN DRIN... ti squilla il telefono alle 19.00 di sera, come è capitato a me, ti invitano a cena, e tu sprovvista di tempi e di ingredienti cominci a elaborare le tue idee per non presentarti a mani vuote.
Il tema dolce sicuramente ci sarebbe stato visto che la mia amica aveva affittato un film per il dopo cena, quindi ecco un dessert che non potrà che lasciarci l'entusiasmo di assaggiarlo, gustarlo e speluccarlo tra un intervallo e l'altro del film!
 
INGREDIENTI:
250g di ricotta
80 g di zucchero
5 cucchiai di cocco grattugiato + cocco q.b. per la guarnizione
20 biscotti secchi
 
PROCEDIMENTO
tritare finemente i biscotti secchi
 
In un recipiente lavorare la ricotta con lo zucchero, aggiungere i 5 cucchiai di cocco grattugiato  e i biscotti tritati.
 
Lavorare il tutto fino a ottenere un composto abbastanza omogeneo che metteremo in frigo per circa 15 minuti cosicché si indurisca un pochino e sarà più facile da manipolare (io nel frattempo ho lavato tutto ciò che avevo sporcato :-))
 
Riprendere l'impasto e formare delle palline arrotolandole delicatamente nel palmo della mano poi tuffarle in un piatto cosparso di cocco grattugiato e rotolarle fino a ricoprirle omogeneamente di cocco.
 
Disporle in un vassoio
 
 e mettere in frigo fino al momento di degustarle
 

mercoledì 20 novembre 2013

FROLLINI ALL'OLIO ABBRACCIATI CON MARMELLATA

Ecco un altro alimento che staresti sempre a stuzzicare finchè non arriva qualcuno che ti toglie il vassoio....anche i biscotti sono una delle preparazioni che adoro...ci si puo sbizzarrire in ogni modo e con tante varianti..questa volta mi sono ispirata apportando delle modifiche alla ricetta di +Mary Zak  che trovate nel suo blog http://maryinpasta.blogspot.com 
Ho scelto di utilizzare il fruttosio, uno zucchero che prediligo molto e che si presta anche molto bene nelle preparazioni, conferendo un risultato croccante ma ben compatto!
Ed ecco i miei fiorellini che si abbracciano teneramente con un ripieno di MARMELLATA FATTA IN CASA
 
INGREDIENTI:
2 uova
350 g di farina 00 
50 g di fecola di patate
100 g di fruttosio
100 g di olio di oliva
1 bustina di lievito per dolci
1/2 bacca di vaniglia
 
Estrarrei semini della bacca di vaniglia incidendola per il senso della lunghezza e prelevare delicatamente con la punta di un coltello
 
Aggiungere i semini di vaniglia al fruttosio e polverizzare il tutto con un mixer.
 
Setacciare farina fecola e lievito. Fare una fontana con le farine, mettere al centro le uova, l'olio e lo zucchero e iniziare a lavorare per ottenere una pasta omogena che dovrà riposare almeno 20 minuti in frigo.
 
Riprendere la pasta e stendere ad uno spessore di vostro gradimento, io mezzo cm circa, perché poi in cottura lievita un pochino e al momento di accoppiare i biscotti si otterrebbe un risultato troppo massiccioso.
 
Ricavare con delle formine i fiorellini, o qualsiasi altro disegno si preferisce.Ricordarsi di incidere al centro alcuni fiorellini ricavando un buchino,cosìcchè potrà fuoriuscire una parte di ripieno, mentre lasciare altri fiorellini intatti,
 
Disporre i biscotti su una teglia coperta con carta forno e cuocere a 180° circa 25 minuti.
 
Lasciarli raffreddare e una volta freddi spalmare sul fiorellino non forato un po di marmellata e accoppiarlo con un fiorellino con foro.
 
Cospargere di zucchero a velo e servire
 
 

MARMELLATA FATTA IN CASA

sabato 16 novembre 2013

BOTTONCINI SALATI AL ROSMARINO E UVA PASSA:per un aperitivo/antipasto che stuzzica l'appettito


Veramente pochi minuti per sfornare dei gustosissimi bottoncini per accompagnare un aperitivo, nell'attesa di far accomodare gli ospiti e prendere tempo per buttare la pasta...ingredienti sani e gustosi senza appesantire il pancino e lasciar posto a tutto il menù che farà da padrone alla vostra tavola!

INGREDIENTI:
200 g di farina
1 uovo
45 g di MARGARINA CASALINGA
100 ml latte di soia
1 cucchiaino di lievito istantaneo per preparazioni salate
sale q.b.
rosmarino
un pugno di uva passa

PROCEDIMENTO

Mettere in ammollo in acqua tiepida l'uva passa e lasciarla riposare almeno 15 minuti

Tritare a coltello un bel ramo di rosmarino

Setacciare la farina con il lievito, unire la margarina e iniziare a mescolare, aggiungere l'uovo e gradualmente un po di latte,aggiungere un bel pizzico di sale e amalgamare fino a ottenere un composto omogeno.

Dividere l'impasto in due e ad una parte aggiungere il rosmarino tritato rimpastando fino ad amalgamazione completa; all'altra parte di impasto unire l'uva passa strizzata e sciacquata dall'ammollo.

stendere  prima l'uno, poi l'altro impasto e ricavare dei dischetti aiutandovi con un coppapasta circolare o con la sagoma di un bicchierino da caffè

Disporre i bottoncini su una teglia rivestita di carta forno e spennellare la superfice con un po' di margarina o di olio di oliva

Cuocere in forno a 180° per circa 25 minuti


MARGARINA CASALINGA

 
Questa è stata veramente una scoperta originale, salutare, buona, eccezionale, e...che altro dire....provare per credere.
Grazie a +Erica Di Paolo e alla sua magnifica ricetta che potrete trovare QUI in casa mia non manca mai la MARGARINA e non c'è più posto per burro o margarina della grande distribuzione.
Anche nelle preparazioni conferisce un ottimo e particolare sapore e si puo utilizzare veramente ovunque, con un piccolo soffrittino nei primi piatti, come in saporitore nei SECONDI e alla grande NEI DOLCI.
 
RIPORTO DI SEGUITO LA PROCEDURA cosi come la spiega +Erica Di Paolo 
 
Ingredienti 20 g di acqua + 10 g
10 g di lecitina di soia
70 g di ottimo olio di semi (io uso quello di soia, ma potete sbizzarrirvi)


Mettete la lecitina di soia in ammollo in 20 g di acqua e lasciate riposare almeno un paio d'ore. Io spesso la lascio un'intera notte. Questo procedimento permetterà alla lecitina di sciogliersi bene senza che rimangano grumi.






A questo punto mescolate il composto: diventerà una crema gelatinosa e piuttosto appiccicosa.







Versate 70 g di olio di semi, mescolate energicamente, meglio se con l'ausilio di una frusta, e lasciate riposare in frigo per 10 minuti. Questo passaggio è essenziale, poiché il freddo permette alle molecole dei grassi di legarsi indissolubilmente a quelle dell'acqua. In questo modo non si separeranno nella fase successiva e ultimata la preparazione.
In genere, trascorsi i 10 minuti, si puo ripetere l'operazione una seconda volta.


A questo punto mixate tutto con il frullatore ad immersione, aggiungendo a filo circa 10 g di acqua fredda. L'acqua schiarirà il composto e aiuterà a dare consistenza. Troppa acqua, però, rende la margarina liquida.


martedì 12 novembre 2013

MUFFIN INTEGRALI AI FIORI DI CAMOMILLA E MIELE



Mi aggirava per la testa l'idea di un dolcetto semplice ma da un gusto particolare, un gusto che mi poteva dare l'impressione di essere coccolata e rilassata...Mi immaginavo con una tazza calda di camomilla a riscaldarmi le mani e l'animo, e puntar lo sguardo al mio finestrone a vista mare dove a dominare era il grigio delle nuvole e la bianca spuma delle onde del mare!!...cosa manca a completare il quadro?! uno snack che gratifica , leggero e che non sporca....I MUFFIN...E Perché non richiamare quel gusto soave della mia camomilla anche in un morso di dolcetto!!
Ed ecco la mia creazione:

INGREDIENTI:
200G farina integrale
80 g di olio di semi
80 g di zucchero di canna
1 cucchiaio abbondante di miele millefiori
120 g di acqua con infuso di camomilla (un cucchiaio di fiori di camomilla per l'infuso)
1/2 bustina di lievito istantaneo per dolci
1 uovo

Preparare la camomilla facendo scaldare 120 g di acqua e aggiungere un cucchiaio di fiori di camomilla, lasciando in infusione almeno 5 minuti, poi filtrare la bevanda per eliminare i residui dei fiori

Montare l'uovo con zucchero.Aggiungere il miele e l'olio e continuare a montare,

Miscelare il lievito con la farina

Aggiungere una parte di farina al composto di uova e continuare a montare, poi gradualmente inserire l'acqua alternandola con la farina fino ad esaurimento.

Versare il composto ottenuto nei pirottini da muffin e infornare per 25 minuti a 180°

venerdì 8 novembre 2013

PLUMCAKE AL RUM YOGURT E MALTO

 

Il plumcake è la mia forma preferita per presentare il così detto ciambellone!Lo si vede alto, friabile, dal colore tenue e delicato...e anche l'occhio vuole la sua parte, perché è lui che suono il campanellino alla gola...ed ecco l'acquolina alla bocca :-)
Lo si può fare in mille modi in tante varianti e questa volta ecco un altra delle mie versioni!
 
 
INGREDIENTI:

220g di farina 00
30 g di amido di frumento (frumina)
2 uova
120 g di yogurt (1 vasetto)(io ho usato ai cereali)
90 g di olio di semi
150 g di zucchero
1 cucchiaio di malto
1 bustina di lievito pe dolci
20 g di rum bianco
 
PROCEDIMENTO:
Montare le uova con lo zucchero fino a renderle chiare e spumose
 
Aggiungere lo yogurt il malto, l'olio e il rum e continuare a montare.
 
Setacciare le farine con il lievito e aggiungere pian piano al composto, fino a ottenere un composto fluido e senza grumi.
 
Versare il tutto in uno stampo da plumcake rivestito da carta forno e cuocere per 40 minuti circa a 180°

 

giovedì 7 novembre 2013

BISCOTTINI BRANDY, CANNELLA E LATTE CONDENSATO



Devo ammettere che non né sò molto del latte condensato, e sinceramente in base alla mia filosofia culinaria, meglio fare ridotto uso dei prodotti scatolati e con conservanti...ma anch'essi devono essere fonte di esperimenti per chi è un appassionato di cucina e mani in pasta come me!!
Preso al supermercato molto tempo fa, per assoluta curiosità, apro la dispensa e mi accorgo di lui...o no...Ancora qui questo latte condensato,e tra l'altro prossimo alla scadenza, quindi di corsa ad utilizzarlo e dar  vita quindi al mio esperimento!!!Eh si un esperimento perché ho messo insieme gli ingredienti e ne sono usciti questi biscottini niente male!

INGREDIENTI:
400g di farina 00
150 g di latte condensato
50 g di zucchero
100 g margarina fatta in casa (chi mi segue sa che uso la ricetta di +Erica Di Paolo )
2 cucchiai di brandy
pizzico di cannella q.b.

PROCEDIMENTO

Impastare tutti gli ingredienti fino a ottenere una composto omogeneo e liscio, simile alla pasta frolla.

Lasciare riposare 20 minuti, così che possa essere lavorata facilmente.

Riprendere l'impasto e stenderlo con il mattarello in una sfoglia non troppo sottile.

Ricavare diverse forme (cerchi, fiori, a vostro piacere ecc...) e decorare con codette di zucchero, gocce di cioccolato ecc...

Posizionare su una teglia ricoperta di carta forno e cuocere a 200° per circa 15/20 minuti.



lunedì 4 novembre 2013

CROISSANT........I MIEI


Io, una vera fan della cucina e delle mani in pasta, dovevo prima o poi provare la famosa sfogliatura per fare i croissant!!Sinceramente già in passato mi sono applicata a questo scopo, ma non avendo avuto un risultato finale per me soddisfacente non mi sono soffermata a elencare nel mio blog i disastri che ne uscirono...
Ho trovato delle ricette ottime e spiegate alla perfezione in molti blog, e questa volta ho scelto il procedimento di +Paoletta di anice e cannella e finalmente sono riuscita a fare per la prima volta i famosi CROISSANT.

Ho eseguito passo passo quanto riportato nella sua pagina che potete leggere qui.
io elenco di nuovo tutti i suoi passaggi che sono molto utili

Ingredienti:
500 gr di farina 00 W280/300 (io +Claudia Ripa  ho usato 250 gr manitoba e 250 gr 00)
275 gr di acqua
25 gr di burro (io ho usato la mia margarina fatta in casa elaborata con la ricetta di +Erica Di Paolo )
8 gr di sale
60 gr di zucchero
20 gr di lievito di birra fresco

290 gr di burro per il tournage (vengono bene anche con 250 gr)io ho usato sempre la margarina di +Erica Di Paolo 

1 uovo per la spennellatura finale

Procedimento:

Impastare tutti gli ingredienti nella planetaria o a mano, sale e burro a metà impasto, per circa 20 minuti, fino a che l'impasto è bello elastico. Mettere subito in frigo, coperto con pellicola, per 6 ore circa, a 4°/5° non di più.
Per i giri della sfoglia o "tourage" posto la spiegazione e le foto passo, passo. Credo che le immagini possano spiegare molto più delle parole:
 


  • 1. Tirar fuori il panetto di burro freddo di frigo, spolverarlo bene di farina e coprirlo tra due fogli di pellicola.

  • 2. Batterlo col mattarello fino ad appiattirlo ad un'altezza di circa 1/2 cm. In ogni caso dovrà essere largo quanto l'impasto* e lungo i 2/3 di questo. Riporre il rettangolo di burro così ottenuto in frigo coperto da pellicola


    *Se preferite, stendete prima l'impasto, misuratelo, mettetelo in frigo steso su un vassoio coperto di pellicola e procedete a battere il burro della misura giusta.

    3. Prendere l'impasto dal frigo, posarlo sulla tavola leggermente infarinata, e sgonfiarlo bene per far uscire i gas della lievitazione.


    Stendere col mattarello un rettangolo alto circa 1 cm.

  • 4. Riprendere il panetto di burro dal frigo e posizionarlo sul rettangolo di impasto, deve occupare i 2/3 inferiori di questo, facendo bene attenzione a lasciare 1 cm. libero di lato.
  • 5. Piegare sul burro la parte di impasto libera.




  • 6. Sovrapporre ora su questa, la parte di impasto coperta dal burro.

    • 7. Girare ora il panetto di 90°, avendo cura che la parte aperta sia alla vostra destra.
    • 8. Stringere con le dita i bordi della pasta in modo da sigillare il panetto di burro all’interno della sfoglia.
    • 9. Picchiettare ora col mattarello il panetto in modo da distribuire il burro in modo uniforme, e al tempo stesso stenderlo in un rettangolo che abbia il lato corto davanti a voi, ad uno spessore di circa 8 mm.
    • 10. Piegare verso il centro prima il lembo inferiore della sfoglia.
    • 11. Poi quello superiore.
    • 12. Girare il panetto di 90° sempre con il lato aperto alla vostra destra. Chiuderlo bene con le dita, coprirlo con pellicola e metterlo su un vassoio in frigo, a 4/5°, per 40 minuti.
     
    • 13. Tirar fuori il panetto dal frigo.
    • 14. Togliere la pellicola ed iniziare il secondo giro o, alla francese, "tour simple".
    • 15. Stendere un rettangolo con il lato corto davanti a voi, spessore circa 8 mm.
    • 16. Fare di nuovo le piegature, piegare verso il centro prima il lembo inferiore della sfoglia.
    • 17. Poi quello superiore.
    • 18. Girare di 90°, sempre col lato aperto alla vostra destra.
    • 19. Impacchettare e mettere in frigo, 4/5° per 40 minuti.


    • 20. Terza ed ultima girata.
      Tirar fuori il panetto dal frigo e ripetere i giri come ai punti 15, 16, 17 e 18.
      Impacchettare con pellicola e mettere in frigo per l'ultima volta, sempre 40 minuti.
    • 21. Tirar fuori il panetto dal frigo e stenderlo in un rettangolo lungo e stretto, alto 7/8 mm.
      Questa volta lavorarlo col mattarello solo nel senso della lunghezza.
    • 22. Tagliare dei triangoli isosceli con un coltello ben affilato che abbiano una base di 8 o 10 cm.
    • 23. Io ne ho fatti 9 grandi (base 10 cm.), e coi ritagli laterali che non erano esattamente triangoli, ci ho fatto dei saccottini.
    • 24. Praticare un taglio di 1 cm e 1/2 circa al centro della base.
    • 25. Formare i croissant ...
    • 26. ... tirando leggermente e delicatamente con le mani, più lungo è il triangolo più giri si riescono a fare e più bello viene esteticamente. Si inizia ad avvolgere strettino, partendo dalla base verso la punta e allargando il taglio.
    • 27. La punta si fa in modo di farla capitare sulla parte anteriore e sotto il cornetto, altrimenti in lievitazione o in cottura si solleva.
    • 28. Dopo aver arrotolato, curvare leggermente le punte laterali verso di voi.


      A QUESTO PUNTO ABBIAMO DUE STRADE:
      1. Attendere la lievitazione e cuocere

      2. Mettere i cornetti appena formati su un vassoio coperto di carta forno, poi coprire i croissants con pellicola e mettere in freezer.
      Non appena si saranno congelati, potranno esser trasferiti in un sacchetto.
      Quando si vorrà cuocerli, basterà scongelarli circa 6 ore prima su una teglia coperta da carta forno, poi procedere come sotto.




    • 29. Posizionare i croissants sulla placca coperta di carta forno.
    • 30*. Far lievitare per circa 1 ora e 1/2 a circa 20°, se la temperatura è sotto i 20° ci vorranno 2 ore, e coprire con pellicola.
    • *EDIT: mi sono accorta, rifacendoli, e grazie ai consigli di Katia, che vengono molto meglio se lievitano almeno 2 ore e 1/2, se la temperatura non supera i 20°, anche 3 ore.
    • 31. Pennellare con 1 uovo sbattuto, spolverare con zucchero semolato
    • 32. Portare il forno statico a 220°e infornare per 5/6 minuti a questa temperatura.
    • 33. Dopodichè abbassare la temperatura del forno a 180°e proseguire fino a cottura completa, circa 7/8 minuti, ma è bene regolarsi dal colore del croissant che deve essere di un bel biondo scuro.
    • 34. Se avremo fatto tutto correttamente, il croissant avrà una sfogliatura ariosa, ben alveolata, non dovrà essere bucato, e la crosta sarà leggera, croccante e friabile.
     
    ecco la mia versione...da perfezionare :-) ma come inizio mi posso accontentare :-)